Dottore faccio feci liquide, perchè ?

La funzione principale dell’apparato digerente di ogni essere vivente è quella di introdurre, digerire ed assorbire i principi nutritivi contenuti all’interno dei cibi, eliminando al contempo sotto forma di feci tutti i residui che non sono utili al metabolismo.
Alla domanda su come funzioni l’apparato digerente si risponde innanzitutto dicendo che esso si occupa della digestione, ovvero di quel processo finalizzato a produrre l’energia necessaria per un corretto funzionamento del nostro organismo.

La consistenza delle feci
Le cause delle feci liquide
Quando si verificano ?
Le feci liquide e chiare
Come si curano le feci liquide
Diarrea del viaggiatore

Il cibo entra in bocca, viene masticato e si converte in bolo alimentare. Intanto la saliva agisce separando i componenti nutrizionali dell’alimento che, passando poi attraverso la faringe e l’esofago, raggiunge lo stomaco. Nello stomaco sono presenti i succhi gastrici, quelle sostanze che grazie ai caratteristici movimenti peristaltici separano i componenti nutrizionali. All’intestino tenue, infine, giungono gli alimenti ridotti a chimo che vengono assorbiti dal sangue. I prodotti di scarto divengono feci e percorrono l’intestino crasso per poi essere eliminati.

Forma e caratteristiche delle feci

Ciò che da consistenza alle feci è soprattutto il contenuto in acqua. Sulla consistenza delle feci gioca molto il ruolo di una corretta dieta che riduca l’ingestione di sostanze fermentabili e di conseguenza elimini problemi di gonfiore e dolore. E’ importantissimo sapere che un cambiamento di consistenza o colore delle feci potrebbe essere un campanello di allarme di molti squilibri.

La presenza di tracce di alimenti non digeriti nelle feci indica, invece, un cattivo assorbimento degli alimenti. Le cause possono essere molteplici e tra queste vi sono una possibile intolleranza alimentare o problemi di intestino irritabile.
Molto spesso, di fronte a simili problemi, ci si chiede come mai la digestione non avvenga correttamente. Le principali cause di una cattiva digestione sono le alimentazioni scorrette assieme ad un eccesso di cibo, agli additivi chimici o alle abitudini di vita poco sane.

Il problema delle feci molli, meglio note come cacca liquida, è molto comune. La causa scatenante è un’infezione di tipo virale. L’evacuazione di tipo semifluido o liquido avviene quando l’intestino crasso non è in grado di riassorbire l’acqua o è addirittura esso stesso ad eliminarla. Quando si ha la diarrea, sintomi come la sensazione di gonfiore addominale, i rumori intestinali e l’impellente necessità di andare in bagno sono accompagnati dalla sensazione che è come se scendesse acqua quando ci si siede sul water.

Molte volte è anche possibile notare feci che si sfaldano non appena toccano l’acqua del water. In questo caso si è in presenza di feci che all’evacuazione appaiono normali per poi sfaldarsi poco dopo essere entrate a contatto con l’acqua e divenire diarrea. Tale sintomo indica problemi a livello gastrointestinale.
Le intolleranze alimentari, molto spesso causa di problemi a livello intestinale, possono essere diagnosticate attraverso il test del respiro, più noto come breath test. Si tratta di un esame non invasivo al quale il paziente viene sottoposto quando, ad esempio, si nota una eccessiva perdita di peso. La diarrea, il più delle volte sintomo di qualcosa che non va nell’intestino, è una perdita di feci acquose che porta con sé il rischio di disidratazione e perdita di sali minerali che necessitano poi di essere reintegrati attraverso degli appositi integratori alimentari.

feci liquide di una mucca sul prato

Le ragioni della diarrea

Le cause della cacca liquida possono essere molteplici. Tra queste vi sono un livello di stress troppo elevato, una condizione di stato febbrile, delle cattive abitudini alimentari o il bere troppa birra. Anche la colite è da considerarsi un ottimo alleato della diarrea. La sindrome del colon irritabile, in realtà, non colpisce subito ma è la conseguenza di una serie di abitudini alimentari sbagliate che si sono avute nel corso degli anni.
A carico dell’apparato gastro-intestinale vi sono alcuni sintomi che potrebbero far sospettare un’intolleranza alimentare. In questo caso è importante fare un test delle intolleranze che permetta di capire se il problema potrebbe essere dovuto ad uno specifico cibo.

Fino alla completa risoluzione della diarrea è importante ricordare di evitare il caffè. Molti problemi di bruciore retrosternale sono conseguenti al consumo di caffè. Proprio per questa ragione è bene ridurne il consumo limitandosi ad 1 massimo 2 caffè al giorno. Come è ben noto la pausa caffè viene considerata un antidoto contro lo stress lavorativo, altro fattore che ha una grandissima incidenza sui problemi di tipo gastro-intestinale. Vi sono alcuni tipi di lavoro particolarmente stressanti che inducono ad assumere una maggiore quantità di caffeina durante le ore lavorative. E’ bene ricordare, però, che non si tratta di un’abitudine positiva.

E’ anche noto a molti il fatto che un colpo di freddo possa indurre la diarrea. Tra temperature rigide e metabolismo esiste un nesso ben preciso. Durante la fase di digestione l’afflusso del sangue nella zona addominale aumenta rendendo la zona più sensibile agli sbalzi di temperatura.

Anche lo scombussolamento emotivo e lo stress da ansia sono fattori molto importanti quando si parla di diarrea. Lo stress e le emozioni, è stato accertato, hanno ripercussioni negative sul processo digestivo. In presenza di alti livelli di stress l’organismo produce adrenalina in grado di accelerare la funzione del sistema nervoso e di conseguenza la funzionalità di alcuni muscoli. Nel caso dei muscoli intestinali avviene che questi iniziano a muoversi troppo velocemente aumentando, di conseguenza, anche il naturale ritmo della digestione.
In caso di assunzione di antidepressivi per combattere i problemi di depressione, inoltre, è bene sapere che questi mettono sotto sforzo il colon comportando così un aumento dei casi di diarrea.

Quando si fanno di solito le feci liquide?

La risposta è che in realtà dipende molto dalle situazioni. Quando capita di avere la diarrea dopo mangiato, il più delle volte si tratta di casi di intolleranza alimentare. Se si fanno feci liquide una volta al giorno per periodi di tempo prolungati è bene consultare il proprio medico di fiducia, il quale saprà sicuramente comprendere se si tratta o meno di diarrea patologica.

I dolori associati alla diarrea sono naturalmente molteplici.
Tra questi i più importanti sono il dolore alla parte destra dell’addome, i crampi allo stomaco o i borborigmi, ovvero quei rumori prodotti dall’attività gastrica ed intestinale e la cui origine risiede nella progressione dei gas all’interno del lume intestinale.
Un fattore molto importante per comprendere quale sia il nostro stato di salute è il colore delle feci. In condizioni normali il colore delle feci può variare dal marrone chiaro al marrone più scuro. Feci nere, ad esempio, segnalano un’eccessiva presenza di metalli o di sangue parzialmente digerito. Quando le feci sono gialle, invece, significa che il cibo sta passando in maniera più rapida del dovuto attraverso l’intestino. Anche se può sembrare assurdo capita anche di produrre feci verdi dovute alla presenza di biliverdina, una sostanza presente nella bile e talvolta nelle feci.

Cacca a colori

Esistono anche feci con un colore tendente al bianco. Si tratta delle feci chiare così definite in quanto accompagnate da muco bianco. Il muco nelle feci è legato al fatto che talvolta l’intestino produce un eccesso di quella sostanza vischiosa utile alla protezione dello strato più interno della parete enterica.

Le feci possono anche essere arancioni? La risposta è affermativa e ciò accade quando si consumano molti cibi ricchi di beta-carotene.

Le feci, naturalmente, assumono anche un odore caratteristico che dipende dai processi putrefattivi che interessano gli amminoacidi. Le feci liquide puzzano sempre o possono anche profumare? La diarrea è generalmente maleodorante. Tra le principali cause di feci maleodoranti troviamo, ad esempio, la sindrome da intestino irritabile, l’intolleranza al lattosio, la colite ulcerosa, la celiachia o atre allergie alimentari di diverso tipo.

 

Molto spesso si chiede se sia normale trovare feci liquide in un neonato. Le feci del neonato assumono una caratteristica molto particolare soprattutto se sono dovute all’allattamento al seno. In tal caso le feci hanno consistenza cremosa, assumono un colore giallo vivo e contengono al loro interno dei piccoli pallini bianchi. Sono inoltre sempre molto morbide e non vengono evacuate quotidianamente.
La diarrea può dipendere da celiachia? La celiachia, ovvero la reazione avversa al glutine contenuto in diversi cereali e nei prodotti derivanti da grano duro, ha molti sintomi tra cui uno dei principali è proprio il fenomeno della cacca liquida.

Dopo lo svezzamento è possibile il bambino abbia scariche di diarrea. Questo è dovuto principalmente all’abbandono di una dieta elementare che dovrebbe essere sostituita con alimenti come carne bianca, riso o pastina. Circa il problema disidratazione i più vulnerabili sono gli anziani e i bambini.

In caso di diarrea è possibile talvolta anche andare in contro a delle perdite accidentali, vivendo un problema che è meglio conosciuto come incontinenza fecale. Questo problema, che consiste nell’accidentale perdita di feci e gas intestinali, insorge spesso per colpa dell’influenza.
In presenza di sangue nelle feci liquide, è bene sapere, non sempre c’è da preoccuparsi ma resta comunque altamente consigliabile contattare il proprio medico. Le cause determinanti di una situazione simile possono essere numerose e non sempre riconducibili ad una grave patologia. In alcuni casi, però, si è in presenza di problemi come emorroidi, ragadi dell’ano oppure polipi intestinali.

Quando si parla di ileostomia si fa riferimento ad una procedura chirurgica complessa che consiste nella deviazione dell’ileo verso un’apertura che viene eseguita sull’addome. Il compito di tale apertura è quello di sostituire l’ano naturale per permettere una corretta espulsione delle feci. Un’altra importante operazione chirurgica è la colectomia praticata allo scopo di curare o prevenire condizioni morbose dell’intestino crasso. Esistono vari tipi di colectomia tra cui quella totale che comporta la rimozione di tutto il colon, quella parziale per rimuoverne solo una parte o la proctocolectomia, intervento chirurgico volto a rimuovere tanto il colon quanto il retto.

Colpiti dal problema delle feci liquide sono molto spesso anche gli animali. Tra questi il cane, per il quale la diarrea è una problematica piuttosto ricorrente o il canarino che ne soffre soprattutto a causa di una cattiva alimentazione impostagli dall’uomo. Nei cuccioli di animale, come nell’uomo, i problemi di feci liquide sono molto più frequenti. La ragione risiede nel fatto che, come per i bebè, i cuccioli di animali non sono ancora abituati ad ingerire determinati cibi.

Come si curano le feci liquide?

Nella maggior parte dei casi la diarrea scompare da sola nel giro di qualche giorno ma è sempre bene seguire alcuni accorgimenti. Una dieta corretta, a base di cibi in bianco, è sicuramente un ottimo alleato.Gli integratori alimentari, inoltre, devono essere utilizzati per contrastare il problema disidratazione.

Molto consigliati per problemi di tipo intestinale sono i farmaci Debridat o le capsule gastroresistenti che servono per una corretta circolazione dei fermenti vivi all’interno dell’organismo. Ovviamente sul mercato esistono anche validi prodotti di erboristeria che sono utili contro la diarrea. Quali sono? Tra i migliori sono disponibili i semi di pompelmo che agiscono su microrganismi nocivi, come batteri e virus o le bevande probiotiche Yakult. E’ bene sapere che il carbone, agendo solo sul sintomo e non sulla sua eliminazione definitiva, non è utile ai fini del processo di guarigione.

Importantissimo è essere consapevoli del fatto che la diarrea, soprattutto quando diviene cronica o comunque frequente, deve essere curata alla base. I così detti bloccanti della diarrea, molto utili nel breve periodo, diventano inutili quando non si è precedentemente lavorato su quali sono le vere cause scatenanti del sintomo.
Quando si ha la diarrea ma proprio non si può saltare una cena importante molti si chiedono quale potrebbe essere la soluzione e si domandano se si possa andare o meno al ristorante. Ovviamente la risposta è affermativa solo se, in caso di diarrea, si chieda al cameriere di poter seguire una dieta adatta mangiando cibi in bianco e privi di un’eccessiva quantità di condimenti.

Cacca in viaggio

Un particolare tipo di diarrea, inoltre, è quello noto come diarrea del viaggiatore. Si tratta di una malattia infettiva delle vie digerenti che colpisce soprattutto quei soggetti che provengono da paesi altamente industrializzati e si dirigono verso paesi con un più scarso tenore igienico. Anche il viaggio è molto spesso causa di problemi a livello gastrointestinale tanto che è possibile prendere l’aereo ed avere la diarrea.
E’ proprio per queste ragioni che si rende necessario trovare delle soluzioni valide che, almeno durante il viaggio, abbiano un effetto calmante sui sintomi della diarrea.