I migliori siti e forum di colite

Tutto si può dire, tranne che oggi giorno sia più difficile reperire le informazioni di carattere medico  rispetto al passato. Basta fare un giro su internet per leggere interessantissimi articoli scientifici o entrare in contatto con dottori esperti pronti ad aiutarci a risolvere i nostri problemi di salute.

Il web è un contenitore di articoli e di conoscenze di base e più specifiche che non può essere sottovalutato. Lo sanno bene gli stessi medici, esperti di colon e diagnosi intestinale, che pubblicizzano i loro servizi online o che attraverso gruppi di discussione e portali tematici su argomenti affini a colite e colon irritabile, partecipano attivamente alle discussioni nei forum.

Una tendenza questa che ha visto crollare quello che per anni è stato quasi un taboo, soprattutto per quello che concerne i dottori italiani, ovvero la possibilità di accedere a notizie specialistiche anche attraverso i canali online, senza necessariamente passare per un visita in uno studio medico.

Il perchè della diffusione online
Caratteristiche di un forum
Hot topic
Quanti sono i forum di colon e colite in Italia?

In questo modo, utilizzando le fonti di informazioni online come forum e portali specifici, è possibile ottenere qualcosa di molto più concreto di scambi di notizie superficiali.

I gruppi di discussione on line e i siti che parlano di disturbi dell’intestino riescono non solo ad appagare importanti curiosità, ma permettono la diffusione di cure innovative e alternative, ugualmente efficaci, che difficilmente potrebbero essere conosciute mediante i canali medici tradizionali.

Perchè un utente cerca informazioni su internet

forum-intestino-coliteLa crescita esponenziale di forum per scambio di conoscenze mediche e gatrointestinali è motivata da diversi fattori che hanno modificato in un certo qual modo l’approccio passivo dell’utente rispetto  alla figura medica.
Esistono varie spiegazioni alla base della nascita di forum su colite e colon irritabile, tutte ugualmente valide e importanti da esprimere per consentire una riflessione più approfondita.

  • Una visita specializzata costa troppo. I pazienti ripetono molte volte questa frase, quasi come una giustificazione di fronte alla ricerca di info dal pc di casa. L’aspetto economico può essere uno dei fattori determinanti che spingono i pazienti a cercare gratis quei dati che, attraverso un appuntamento con un dottore nel suo studio, costerebbero non meno di 80 euro.
    Soprattutto in fase conoscitiva e di pre-diagnosi spendere troppo denaro, senza sapere quei sintomi a quale disturbo possano essere collegati, non può essere considerata una buona scelta.
  • Tutto in pantofole. Riconosciamolo, la comodità di restare seduti a casa e riuscire con un solo collegamento internet ed un computer a ottenere quella mole di notizie sulle malattie legate alla sensibilità del colon è un gran vantaggio.
  • Il web come l’aereo del media stream. Non tutti i malati di colite vivono nelle grandi città e hanno facilità a raggiungere il centro specializzato più vicino o un ospedale per chiedere l’opinione esperta di un medico dell’intestino tenue su determinati sintomi percepiti.
    Internet veicola dati a 360° e non è un caso se il prefisso “www” sia l’acronimo di World Wide Web. Il mondo online dà a un soggetto affetto da colite ulcerosa tutti gli strumenti per entrare in contatto con grandi conoscitori della materia in esame e quindi ricevere consigli utili senza doversi spostare dal proprio paesino.
    Sembra come se il deficit geografico e il conseguente isolamento informativo su temi intestinali possa essere ampiamente superato dall’ausilio del collegamento informatico e il cosiddetto mondo virtuale.
  • Pluralità informativa. Anche chi ha l’occasione di un riscontro diretto con un valido dottore, magari il vicino di casa, non è detto che non senta la necessità di sapere anche “altre campane” e quindi contattare altri professionisti attraverso forum di colite o portali medici.
    Sentire più opinioni circa un tema consente di tracciare un quadro clinico generale più verosimile e affrontare il male avvertito con maggiore rigore.
  • Articoli a 200 all’ora. L’agorà del web è una casa aperta a tutti, in cui il flusso di utenti è contino e rapidissimo. Trattasi di uno dei fattori preponderanti che avvicinano gli utenti a internet. Porte e stanze che si aprono e chiudono con una rapidità senza precedenti.E’ proprio la velocità di pubblicazione dei post nei gruppi di discussione online e il costante aggiornamento delle news di carattere medico a fomentare gli utenti ad iscriversi a queste piattaforme e partecipare in maniera attiva ai topic.
    Senza contare che spesso venga offerta uno spazio di chat attraverso cui ottenere una risposta immediata, una specie di consulto medico in contemporanea, alla faccia di tutti i tempi di attesa necessari per prenotare un incontro in uno studio del gastroenterologo di turno. E quando non è presente uno spazio “live” come la chat, quasi tutti i forum di colite e colon irritabile offrono servizi di messaggistica istantanea.In questo modo, ogni utente può inviare un messaggio e quindi porre una domanda ad esempio sul perchè avverte da un po’ di tempo quei dati sintomi e ricevere un riscontro in tempi decisamente brevi.
  • Ricchezza di contenuti. Pochi dottori possono vantare quel bagaglio tecnico sui disturbi dell’intestino data dalla somma dei pareri e dei messaggi “postati” da tutti gli utenti su di un forum. La bellezza di queste piazze virtuali sta proprio nella pluralità di sezioni di discussioni presenti e sulla mole di thread attivi su cui gli utenti discutono.
  • Chiarire un piccolo dubbio. Ancora più che sulle grandi questioni scientifiche, le comunità di discussione consentono un validissimo aiuto su quelle piccole questioni che ci attanagliano. Colmare lacune informative che generano paure, cercare sostegno da amici che hanno affrontato gli stessi disturbi, può migliorare le possibilità di risolvere quel problema.


Caratteristiche dei forum di colite e colon irritabile

Esiste una specie di colonna vertebrale di questi portali di discussione. Una specie di struttura portante che accomuna un po’ tutti i siti di questo tipo presenti online.
Sarà perchè utilizzano quasi sempre gli stessi cms o perchè i temi grafici si assomigliano molto o ancora, perchè sanno bene che una certa “conformazione” a livello di contenuti e spazi visivi possa aiutare l’utente ad orientarsi meglio, fatto sta che esistono aspetti simili, a volte sovrapponibili.

Divisione Sezione, Sottosezione, Articolo. Una sorta di bread crumbs di ogni portale sulla salute che si rispetti. Un modo per far capire prontamente all’ospite dove si trova e a reperire più facilmente degli articoli affini, che molto probabilmente potrebbero ugualmente interessare.

Contatore numerico di argomenti e messaggi. Un parametro che serve per capire quanto sia partecipata la discussione e quanto quell’argomento possa invogliare persone a domandare o scrivere articoli su quello specifico topic.
E’ abbastanza naturale che una discussione che può vantare un gran numero di argomenti discussi è facile che richiami più interesse di un’altra e spinga il “navigatore” del forum a cliccare dentro, per vedere di che cosa si parla.

Indicatore ultimo messaggio postato. Segnale utilizzato principalmente per far capire quanto sia “attuale” quel dibattito on line. Va da sé che un messaggio postato solo 1 ora fa garantirà un’immagine di costante rinnovo della disamina e motiverà maggiormente l’utente online ad entrare il quel post dove certamente troverà informazioni “fresche”.

computer notebook disegnatoChi è in linea? Servizio proposto solitamente nella parte più bassa della pagina principale. Consente alle persone di curiosare e scoprire se qualche amico o qualche utente considerato esperto è online.
Quando questo accade, si è più invogliati a inviargli un messaggio privato, in maniera tale da ricevere prontamente una risposta e iniziare una discussione quasi “live”.

Anche in questo caso trattasi di una modalità con cui i curatori del sito di salute vogliono trasmettere un senso di aggiornamento e far sentire più protagonisti gli utenti. Leggere il proprio nome tra i visitatori in linea fa in un certo senso emozionare e fa sentire veramente parte di questa comunità virtuale.

Discussioni popolari. Settati alcuni parametri  per definire il numero di utenti che hanno partecipato alla discussione durante la giornata, il webmaster, attraverso una soluzione grafica abbastanza evidente, segnala quegli argomenti che hanno coinvolto maggiormente gli utenti, di solito con una colorazione accesa, che richiami l’attenzione dei lettori online.

Funzione nuovo argomento. Immancabile pulsantone che permette agli utenti registrati di “postare” sul forum. Ovviamente esiste un tipo di moderazione, soprattutto nei confronti dei neo iscritti. Buona regola è ad esempio presentarsi, prima di porre una qualunque domanda nella sezione “morbo di crohn”, ad esempio.

Un po’ come nella vita reale, anche in una community online è giusto dire sempre buon giorno, perchè avanzare una richiesta o pretendere una risposta senza neanche salutare, è davvero sintomo di maleducazione.

Risposta all’argomento. Una modalità fondamentale nella logica di qualsiasi forum, a maggior ragione poi in quelli sul benessere fisico e sulla salute. Significa offrire la possibilità agli utenti di dare manforte a una tesi o al contrario esprimere un parere negativo su una data scelta terapica. E’ lo scopo di ogni dibattito portare avanti la propria tesi e se non si ha la possibilità di rispondere alla domanda come si fa?

Pannello di controllo. Sezione personale che consente di accedere a un buon numero di funzioni e informazioni. Tra le più importanti si ricorda: messaggi inviati al forum, discussioni attive (quelle in cui si è postato almeno un messaggio nell’ultimo mese) messaggi privati inviati e ricevuti dagli utenti, posta ricevuta.

Argomenti più apprezzati nei forum di colite

Come accade un po’ in tutti gli aspetti della vita, ci sono delle cose che piacciono decisamente di più. Anche per i forum che parlano di argomenti affini con colon e salute intestinale esistono dei topic più apprezzati. Passando in rassegna, quelli che sono i siti italiani di colite più apprezzati, abbiamo evidenziato quei topic che destavano maggiormente l’interesse degli utenti.

Trattasi di argomenti che appassionano, dividono o semplicemente attorno ai quali ci sono molti dubbi da chiarire. Essendo poi le coliti, per loro stesso carattere, difficili da catalogare, la presenza di dibattiti sulle community on line facilita la raccolta di preziosi suggerimenti e giudizi su cure alternative ai problemi del colon, in grado di cambiare radicalmente la qualità della vita di un paziente.
Vediamo quindi da vicino quelli che sono gli oggetti delle discussioni più accese e su cui i partecipanti online hanno posto più domande ai dottori che moderavano il forum.

Analizzando quelli che sono i portali di salute che parlano di intestino sensibile e colon irritabile abbiamo notato che tra le discussioni più numerose spiccano quelle sulla colite eosinofila. Questo dato ci stupisce, ma soltanto in parte. Anche se sembrerebbe molto più diffusa la gastrite di tipo eosinofila.

Trattasi di un disturbo caratterizzato da forti scariche di diarrea e difficoltà nell’arrestare lo stimolo nell’andare in bagno. Oltre a questi sintomi, è fondamentale che il paziente sia sottoposto ad una accurata diagnosi in modo da intraprendere la cura più corretta. Tra gli esami specialistici a cui si deve sottoporre il paziente affetto da colite eosinofila vi sono quelli istologici, importanti per definire quali strumenti utilizzare per migliorare la terapia a questo male.

Analizzare la qualità del sangue e prove allergologiche sono alla base di una una adeguata fase diagnostica. Molto spesso nei soggetti emerge una particolare sensibilità della pelle, oltre alle naturali infiltrazioni di eosinofili tra i tessuti de colon, caratteristica essenziale di questo disturbo. Il maggiore sollievo difronte a sintomi da colite eosinofila si ha attraverso cure a base di cortisone e la guida da parte di un nutrizionista che indichi cosa mangiare e quale potrebbe essere la giusta dieta alimentare da seguire per stare meglio.

Ultimamente sono diversi i tentativi di guarire questo disturbo del colon attraverso strumenti omeopatici e medicine non sintetiche, con risultati più che soddisfacenti.
Altro tema molto dibattuto resta quello sulla colite collagenosica e quella microscopica, su cui abbiamo già discusso ampiamente su colitesintomi.

Non ci aspettavamo invece tutto questo grande interesse sulla colite di tipo linfocitario che sembra invece una delle ricerche più frequenti effettuate dagli utenti che bazzicano sui forum di colite e salute alimentare. Questo è un disturbo molto delicato che necessita di strumenti di diagnosi particolari come il ricorso alla pancoloscopia. Sarà proprio una biopsia, effettuata sulle pareti dell’intestino a chiarire definitivamente le cure per vincerla.

Vi anticipiamo però che non si tratta di un cammino facile. La micro colite linfocitica è sicuramente uno dei tipi più ostinati da sconfiggere, trattandosi di una malattia autoimmune le cui cause non sono sempre così semplici da individuare. Che cibi assumere in queste situazioni e quali attività sportive praticare per migliorare lo stato di salute sarà definibile solo da un parere medico esperto.

Da qui la richiesta di informazioni su forum e la rincorsa a conoscere le opinioni dei professionisti presenti online che operano in quel campo o la necessità di confrontare i propri traumi con quella di altri utenti del forum che hanno già patito sofferenze a causa della colite linfocitaria.

Quanti sono i forum che parlano di problemi intestinali in Italia

Tanti, tantissimi. Si sa che gli italiani sono dei gran chiaccheroni ed è noto quanto amino parlare, soprattutto se sono interessati ad una tematica.
I forum di salute creati nel Belpaese non raggiungono i numeri dei forum di finanza o quelli di altre piazze virtuali come i portali di calcio, ma risultano essere comunque molto seguiti e frequentati. Ce ne sono di belli e di brutti, ma in linea di massima raggiungono un buon livello qualitativo, merito dell’ottimo bagaglio conoscitivo delle persone che interagiscono sulla board, motivati dai tanti interessi comuni che condividono con gli altri utenti.

A differenza dei più famosi siti di colite nel Mondo, come www.nlm.nih.gov , webmd.com, a favore dei forum nostrani, dobbiamo rivelare una minore presenza di pubblicità. E’ difficile poter credere all’indipendenza della fonte, senza mettere in discussione la sua autorevolezza  quando affianco ad articoli su farmaci per combattere la colite spastica ad esempio, troviamo una info prodotto ad un medicinale da banco.

Per fortuna i forum italiani che si occupano di benessere intestinale in Italia possono vantare una presenza meno invasiva di contenuti commerciali legati ad interessi farmaceutici piuttosto evidenti.
Indicare però un numero preciso di canali online che trattano i temi a noi più cari è complicato. Per facilitare questa operazione però cercheremo di diverli per categoria e quindi raccoglierli a seconda delle caratteristiche generali di ciascun sito.

Forum specializzati sulla colite
Includiamo in questa lista tutti quei siti i cui argomenti principali e le cui discussioni vertono sempre su tematiche legate alla salute del colon e a cure per guarire dalla colite. Solo in maniera molto secondaria vengono aperti topic sulla board che fanno riferimento ad altri organi del corpo o aperte discussioni pubbliche su argomenti non pertinenti a questi.

Sono i classici forum monotematici sulla colite. Punti di incontro online che potrebbero sembrare anche noiosi perchè parlano unicamente di queste problematiche di salute, ma che da un altro punto di vista, rappresentano una miniera di informazioni utili per i pazienti in cerca di una soluzione.

sindromecolonirritabile.org  Putroppo possiede un forum poco aggiornato. L’ultimo messaggio in alcune sezioni risale persino al 2011!! C’è una sezione sondaggi, ma non sembra funzionare, come pure la sezione chat. Reputiamo con ogni probabilità che si tratti di un sito molto popolato sino al 2011, con circa 4000 visitatori unici al giorno, ma che con il tempo ha passato il suo valore in ambito medico. Oggi ha ridotto il traffico di utenza a circa un quinto e questo dispiace, perchè il progetto era interessante e ricco di informazioni pertinenti. La gente rispondeva con piacere ai dibattiti, spesso quotando quello che avevano detto gli altri utenti. Ora a conti fatti la board è poco frequentata e i topic troppo slegati tra loro.

crohnclub.it Sito focalizzato su come reagire da questa malattia. Vuole dimostrare come un sostegno psicologico possa rivelarsi efficace per migliorare la salute anche fisica del paziente. Vi è presente persino una sezione con giochi, ideale per distrarre la mente dell’ammalato e un’altra che parla specificatamente dei legami tra colon e implicazioni sulla vita sentimentale.

Furum in cui i thread più vivaci riguardano disturbi dell’intestino
Rientrano in questo gruppo dei portali di salute generalisti che, seppur non trattando esclusivamente questo tipo di materie tematiche connesse al colon, in realtà dimostrano grandissimo interesse a questo tipo di informazioni.
Sono forum generalisti che parlano più che altro di benessere dell’organismo, ma che sembrerebbero dimostrare come gli utenti che utilizzano quella piazza virtuale siano interessatissimi a reperire informazioni su come curare fondamentalmente infiammazioni delle pareti intestinali. Si allude a progetti on line come:

forum.riza.it Segnaliamo come le sezioni del forum siano facilmente collegate ai dottori che ne gestiscono i contenuti. Il nome del medico compare già nel titolo della sezione, dando estrema professionalità all’insieme del sito.

sanihelp.it  Può vantare una pagina facebook con 33 mila iscritti ma nell’head fa bella mostra di una grande pubblicità di original marines..giustificando la presenza dello spot, descrivendo il cotone degli abiti come più puro e quindi più “salutare”. Ai lettori attenti però questo non può bastare. Sembrerebbe una forzatura eccessiva che maschera infatti i fini pubblicitari che un portale sulla salute non dovrebbe mostrare in maniera così sfacciata. Ricordiamo a tutti che la salute delle persone è cosa seria.

ipsico.it Com dice il nome stesso, sembra più rivolto alla psicologia, che alla salute, ma resta uno spazio web gestito da professionisti e psicologi molto preparati. Pubblicizza corsi di aggiornamento e libri, non proprio con focus su colite, ma propone articoli scritti davvero bene.

abcsalute.it  Ottimo sito. Dà possibilità ad ogni medico di comparire attraverso una vetrina e presentare così i propri servizi. Un ottimo strumento concesso al pubblico, per entrare più facilmente in contatto con dei professionisti. Molto utile le presenza di un dizionario medico, sullo stile di wikipedia, che si propone per essere un punto di riferimento per i pazienti, mettendo loro nelle possibilità di conoscere rapidamente una diagnosi su di un problema di salute.
Una sezione del forum permette di ricercare persino delle badanti nella propria città, leggendone esperienze e curriculum. Ottimo servizio per gli anziani non autosufficienti. In sostanza non certo un portale sulla colite, ma un ottimo canovaccio di info mediche a 360°, decisamente ben strutturato e facile da navigare, anche da parte di utenti meno esperti.

Grandi contenitori informativi

Si intendono spazi di dibattito online su cui stazionano migliaia e migliaia di persone. Piattaforme multilingua che la fanno da padrona sui motori di ricerca, sia perchè presenti nel web da più tempo rispetto agli altri siti e sia in virtù di una moltitudine di questioni sollevate e del relativo successo a livello di interazione tra gli utenti.

Sono veri e propri “colossi di internet” che potrebbero parlare di colite nervosa, così come di cani da compagnia, ma riuscirebbero comunque a suscitare l’interesse dei partecipanti e grandissima visibilità sul web. Risultati del genere sono ottenuti grazie a un team di professionisti della comunicazione che si rapportano con esperti di ogni settore, dandogli compiti di moderazione.

Si parla di progetti ad ampio raggio in cui l’organizzazione dei compiti nel forum assume un ruolo fondamentale per garantire il successo dell’intera iniziativa.
Temi come colite o problemi di stomaco costituiscono qui soltanto una piccolissima parte di tutte le argomentazioni.

Rientrano in questo gruppo:

forum.alfemminile.com E’ vero che sembra a tratti un sito di gossip e riesce ad attirare molto traffico con questo escamotage, ma resta un portale eccezionale dal punto di vista della molte di info utili, soprattutto se si cerano dati sulla colite nervosa.
Anche se in teoria dovrebbe richiamare l’interesse più del pubblico femminile, in realtà dimostra di essere un sito in cui si parla di tutto, richiamando quindi la curiosità di uomini che partecipano attivamente a questo luogo virtuale. I temi che fanno da padrona restano: bellezza e forma fisica, ma non mancano gli articoli di psicologia o le ricette di cucina.

forum.corriere.it Troppo dispersivo. Spazia con argomenti che vanno dallo sport ai brufoli, passando per hi-tech. E’ il sito di appoggio del famoso quotidiano cartaceo di cui Luciano Fontana è il direttore.Gode sì di un grande pubblico, ma a parte la collaborazione di dottori “televisivi”su questo spazio online, sembra mancare accuratezza nelle informazioni, nonostante la presenza di migliaia di articoli. Un gran canovaccio, ma dal volto poco umano rispetto al competitor forum.alfemminile.com

italiasalute.it E’ attiva una sezione in cui è possibile rivolgere una domanda all’esperto. Gli articoli però non sembrano realizzati in profondità, ma discussi solo in modo piuttosto superficiale rispetto ad altri portali sul benessere. Vi è inoltre una sezione FARMACIA che rappresenta un vero e proprio store attraverso cui acquistare di tutto, dall’antirughe al trucco.. non proprio un bel biglietto da visita per un sito con finalità divulgative.

forumsalute.it  Un buon forum mediocre, come tanti altri, non particolarmente originale nei contenuti. Si segnala un focus abbastanza accentuato su alimentazione e articoli su dieta. Anche in questo caso è presente uno shop collegato a farmasalute.it. Sinceramente, operazioni di questo tipo, le troviamo decisamente banali e con intenti “velatamente” speculativi. Un portale sulla salute di cui si poteva in sostanza fare anche a meno.

albanesi.it Molto incentrato sulla salute fisica. Presenti sezioni specifiche su cibi sani e attività sportive propedeutiche al benessere fisico. Non mancano ottimi spunti su cosa mangiare in caso di colite, ma il focus resta più sull’alimentazione che sulle eventuali terapie. Il portale offre la possibilità di acquistare un ebook sulla salute alimentare. Un sistema per dimagrire e perdere grassi in 10 lezioni

Siti informativi su colite, senza forum
Fanno parte di questa area tutti quei progetti online che, per mancanza organico o per scelte personali non dispongono di uno spazio di dibattito in cui gli utenti possono comunicare tra loro attraverso post ed esprimere il proprio punto di vista su di un dato argomento.
Sono portali però ricchissimi di dati, da cui ogni utente può leggere validi articoli su studi clinici, esperienze di cura ai problemi intestinali e quindi ricevere la conoscenza che cercava.

A differenza dei siti personali di dottori, su cui ci soffermeremo successivamente, in queste piattaforme di informazioni online non si punta l’interesse verso un metodo di cura specifico della colite, ma si preferisce mantenere una posizione neutrale, super partes, cercando di essere quanto più oggettivi possibile.

amiciitalia.net Sito collegato con l’associazione nazionale per le malattie croniche dell’intestino. Si finanzia grazie alle sovvenzioni dei cittadini che possono devolvere a questa organizzazione il 5×1000, come pubblicizzato in home page.
medicitalia.it un portale che raccoglie l’esperienza di tantissimi professionisti. Utile perchè facilita il collegamento tra malato e dottore e quindi i tempi di cura dei vari disturbi, tra cui anche la colite.

La possibilità di conoscere contatti telefonici, email e orari di visita di prestigiosi endocrinologi, gastroenterologi dimostra come un servizio web possa aiutare a risolvere i problemi di salute degli utenti, attraverso un’organizzazione efficiente che difficilmente potremmo avere “dal vivo”, se non in alcuni centri medici specializzati d’Italia.

Siti personali con tanto di cura per la colite

Parliamo di siti realizzati e gestiti direttamente da medici. Non si ha la possibilità di sbagliare terapia in questi casi, in quanto la credibilità professionale si ripercuoterebbe in maniera negativa sul loro lavoro. Ognuno ha il suo approccio, chi più intensivo, ricorrendo a farmaci specifici per le pareti del colon e chi predilige soltanto metodi naturali.

In questo secondo caso trattasi di siti a metà strada tra la omeopatia e la naturopatia. La particolarità di questi grandi raccoglitori di notizie è quello di andare direttamente al nocciolo del problema, indicando una terapia precisa, difronte a sintomi ben evidenti.

Essendo poi gestito direttamente dal dottore specialista, va detto che i contatti sono molto più rapidi e personalizzati. Basterà il più delle volte compilare un form per ricevere assistenza gratuita e se interessati, magari ottenere una consulenza via skype, ad un prezzo decisamente più economico se confrontato a quello di una visita in uno studio medico privato.
In molti siti personali, questi dottori offrono anche di scaricare dei manuali per la salute intestinale, in modo da fidelizzare quanti più utenti al loro sito e dargli un’infarinatura generale per capire le ragioni della presenza di determinati segnali o dolori.

calprotectina.com    Pubblicizza dei test per capire da quale tipo di infiammazione si è affetti

coliteaddio.it       Sito collegato al noto dottor Lombardi, autore tra l’altro di un metodo capace di curare la colite in meno di 2 mesi.
Attraverso l’esperienza maturata sul campo nello studio dei rimedi naturali per l’intestino, il dott. Luca Lombardi offre una quantità elevatissima di informazioni su come distinguere ogni tipo di colite e conoscere le basi per sopportare meglio il dolore. Trattasi di una miniera di argomenti utili, che ordinati e “ritagliati” in base alla tipologia del paziente, danno vita al programma intensivo personalizzato (detto PIP).

La grande percentuale di successo nel risolvere irritazioni intestinali di varia natura. Il sito sembra offrire una serie di audio scaricabili gratuitamente da ascoltare comodamente durante la giornata, oltre ad uno spazio originale, chiamato “pillole di saggezza” in cui porre una domanda al dottore che risponderà a tutte le domande il mese successivo.

Curiosità dai forum di colite

Il forum con più messaggi risulta essere: forum al femminile
Quello con più aggiornamenti durante una giornata: forum al femminile
Quello con il maggior numero di iscritti: forum al femminile
Quello con il numero più elevato di fan su Facebook: Sanihelp
Quello con emoricon più carine: sindromecolonirritabile.org
Quello con le discussioni più accese: forum al femminile
Quello con gli argomenti più moderati: forum del corriere della sra
Quello che ha migliorato di più la % di traffico rispetto al 2016: coliteaddio.it

Leave a Reply