È normale avere le feci galleggianti?

Indice:
Quando e perchè galleggiano?
Quanto può pesare al massimo una cacca?
Le cause delle feci flottanti
La cacca colorata
La consistenza della fece
Stereotipi da sfatare: fare la cacca a mare

Feci: quando galleggiano?

Le feci galleggiano quando c’è un problema di meteorismo, di flatulenza, di celiachia, di intestino irritabile o una malattia infiammatoria. Pochi lo sanno, ma queste patologie fanno sì che le feci abbiano un contenuto elevato d’aria e, di conseguenza, rimangano in modo ostinato a galla.

Feci: quando non galleggiano?

Se le feci non galleggiano, allora ci troviamo davanti al problema opposto: se affondano nell’acqua, vuol dire che il cibo non è stato masticato o digerito bene, mentre se sono dure e precipitano sul fondo, significa che la nostra dieta è troppo povera di fibre o di acqua. In questo caso si parla di feci con assetto negativo.

Quanto può pesare al massimo una cacca?

Una cacca può arrivare a pesare anche 200 chili!

In natura il record assoluto lo detiene l’elefante con escrementi che misurano dieci centimetri di lunghezza per dodici centimetri di diametro, mentre la più piccola la fa l’acaro della polvere e misura pochi millimetri.

Esistono anche insetti che si nutrono di escrementi, come lo stercorario, una specie di scarabeo che nell’antico Egitto veniva venerato come una divinità e che forma delle palle con lo sterco per nutrirsene, per conservarlo o per deporci le uova.

Per quanto concerne l’uomo, non esistono dei disturbi chiamati megafecaloni, ma in compenso esiste il megacolon: si tratta di una patologia ereditaria, che può essere presente dalla nascita, che oltre a rendere particolarmente difficoltosa e dolorosa la defecazione, può provocare un’anomala iperdistensione anale.

Le cause delle feci flottanti

Le feci flottanti sono causate da cibi che provocano nell’intestino un eccesso di gas, come i fagioli, il latte, i broccoli, le mele, le bibite e le caramelle senza zucchero.

È un disturbo che in genere si risolve senza trattamenti, ma se le feci galleggiano sempre, allora in quel caso ci troviamo davanti ad un’intolleranza alimentare al lattosio.

Le persone che sono allergiche al lattosio, se mangiano prodotti caseari o che contengono latte, possono andare incontro ad una formazione di gas nell’intestino e, di conseguenza, ad una comparsa sempre più frequente di diarrea e di feci con assetto positivo.

La fibrosi cistica

La fibrosi cistica è una malattia genetica grave che compare alla nascita: il bambino che ne è affetto, di solito, prende il gene difettoso sia dalla madre sia dal padre
Oltre a portare ad un’insufficienza respiratoria e alla formazione di muco nei bronchi e nei polmoni, la fibrosi impedisce al pancreas di svolgere regolarmente le sue funzioni, causando così un difetto nella digestione dei cibi, diarrea, malassorbimento, ritardo nella crescita del bambino e grave stato di denutrizione nell’adulto.

Il galleggiamento fecale dipende dal colore?

No, il colore delle feci non influisce o meno sul loro galleggiamento.

Tuttavia il colore degli escrementi è in grado di dirci se il nostro corpo è in salute o se, al contrario, dobbiamo richiedere un appuntamento dal nostro medico di fiducia.

Se le feci sono chiare, non vuol dire che si è mangiato del polistirolo, ma che il nostro organismo soffre di colite.

Feci marrone chiaro (cacca quasi gialla) o marrone scuro sono assolutamente normali, ma se ci sono delle tracce di sangue, allora significa che è in corso un sanguinamento nella zona ano-rettale.
Le stesse striature possono essere presenti anche sulla carta igienica e sono spesso indice di ragadi, emorroidi o tumori del colon.

Al di là di quello che possiate pensare, nei fatti non esiste una tonalità che galleggia di più rispetto ad un’altra.

La consistenza

La consistenza delle feci dipende soprattutto da un minore o da un maggiore assorbimento di acqua da parte dell’intestino. Feci molli e informi sono tipiche delle persone che seguono diete vegetariane o vegane, mentre le feci dure indicano una dieta troppo ricca di carboidrati e di proteine.

Le feci a palline, o caprine, possono galleggiare e possono comparire sia nel bambino sia nell’adulto. In entrambi i casi, la causa è da ricercare in una dieta povera di fibre o in un’assunzione insufficiente di acqua.

Se invece le palline appaiono molli e non dure, può esserci un’infezione di carattere batterico, una patologia di origine virale o una malattia fungina che ha alterato la flora batterica.

Se la cacca appare a corpo unico, il nostro corpo è in salute e non sono presenti disturbi del tratto gastrointestinale, mentre se appare spezzettata vuol dire che c’è una carenza di fibre.

La diarrea galleggia?

Sì, la diarrea galleggia in superficie.

Feci galleggianti: l’odore influisce?

cacca profumata emoticon

L’odore non influisce sul galleggiamento delle feci, ma è un altro indicatore da tenere sotto controllo.
Feci maleodoranti indicano una dieta poco equilibrata o dove sono presenti cibi spazzatura in quantità eccessive. Se persiste il tanfo fecale, meglio vederci a fondo e comprendere nello specifico quale è il cibo nei confronti del quale il nostro intestino si mostra in difficoltà.

Stereotipi da sfatare: fare la cacca a mare

Come già detto in precedenza, la cacca non sempre galleggia, ma questa non è una buona ragione per farla nel mare in quanto, oltre ad essere poco igienico, c’è comunque il rischio che possa riemergere (e quindi essere beccati in flagrante).

Se vi scappa e non ci sono bagni nei paraggi, la cosa migliore quindi è quella di uscire dall’acqua, trovare un posto abbastanza nascosto, scavare una buca, farla lì, poi ricoprire il tutto.

Chi è grosso, le fa galleggianti?

Sì, come anche chi è magro.

È un sintomo di malattia?

Sì, a volte le feci galleggianti sono uno dei sintomi di malattie come la celiachia o la sindrome dell’intestino irritabile.

Può indicare che mangiamo bene o che mangiamo male?

Non solo, il galleggiamento delle feci può anche dirci quali sono i cibi che è meglio evitare per non ritrovarci con l’intestino pieno di gas.

La flora batterica sta bene o sta male?

Se le feci galleggiano la flora batterica sta bene e non c’è bisogno di preoccuparsi o di farsi visitare da un medico (a meno di non soffrire di meteorismo o delle altre malattie che abbiamo già citato sopra).

Tuttavia, se compaiono sintomi come diarrea o stitichezza frequenti, meteorismo, colon irritabile, suscettibilità alle infezioni, stanchezza eccessiva e disturbi di carattere generale come nervosismo, ansia e cambiamenti dell’umore, è meglio prendere un appuntamento dal proprio medico di fiducia.

Questi sintomi infatti fanno tutti parte della disbiosi, una patologia che altera la salute della flora intestinale e che può essere provocata sia dall’età avanzata del paziente, sia dallo stress, da una dieta errata, da trattamenti terapeutici o dalla presenza di altre malattie.

Leave a Reply