Cacca quasi bianca

Soffri di colite? Avverti dei strani segnali e disturbi che non riesci bene ad individuare? Se anche tu,
pensi di avere la colite infiammata, di sicuro avrai notato alcuni segnali evidenti, fra cui il diverso aspetto delle tue feci, che molte volte assume le sembianze di una cacca quasi bianca.

Feci bianche e colite
La causa è negli antibiotici
Paura e feci rosse
Diarrea e cacca bianca

Prima di approfondire l’argomento relativo al colore e alla consistenza delle feci, cercherò di spiegarti brevemente cos’è la colite e perché ci si ammala di questo disturbo, moto invalidante e fastidioso.

Sindrome del colon irritabile: la colite

La colite, notoriamente conosciuta come sindrome del colon irritabile, è una malattia intestinale
che colpisce circa 1 persona su 5, creando notevoli disagi sia a livello fisico che psichico nel paziente
che ne è affetto; colpisce le persone al di sopra dei 35 anni e maggiormente le donne stressate rispetto agli uomini senza particolari problemi di agitazione.
Quando parliamo di colite, ci riferiamo a tutta una serie di sintomi che la maggior parte delle persone affette riesce a tenere sotto controllo, evitando che non degenerino in effetti più gravi, grazie ad una dieta equilibrata e cambiando il loro stile di vita.
Tuttavia, vi sono dei sintomi evidenti e talvolta anche molto imbarazzanti, anche nelle persone che hanno già iniziato a curarsi.

Uno di questi è sicuramente la presenza di diarrea alternata a periodo di stipsi, ma anche il gonfiore addominale, la difficoltà ad espellere l’aria in eccesso e addirittura, in alcuni casi a trattenere la cacca. Insomma, come si può ben capire, oltre al dolore fisico del mal di pancia da colite, ci sono tutta un’altra serie di elementi che rendono difficile e complicata la vita del paziente che soffre più del dovuto, non consentendogli di vivere una esistenza normale.

Soffri di colite? Osserva la cacca

simpatica cacca in lana Uno dei principali segnali che ci può far pensare che il nostro intestino non sta funzionando bene è sicuramente il colore delle feci, oltre all’odore e alla forma degli escrementi. Nel paziente affetto da colite, la cacca si presenta di colore quasi bianco, ovvero un biancastro che tende al giallino. Di sicuro questo fenomeno ci spaventa molto, anche perché in condizioni di buona salute, il colore delle feci è marrone.
Tra l’altro sappiamo bene come una cacca quasi bianca possa essere il sintomo dell’epatite e visto che si tratta pur sempre di una malattia molto grave che riguarda il fegato, è plausibile allarmarsi.

Trovarsi di fronte a delle feci così chiare, quando andiamo ad evaquare, può essere molto destabilizzante dal punto di vista psicologico, facendoci pensare al peggio, compresa la possibilità di avere un tumore al colon.

Non dovremmo mai essere così categorici, soprattutto quando non siamo degli esperti di problemi intestinali o quando non abbiamo ancora ascoltato il parere di un gastroenterologo o di un naturopata.

Forse non tutti sanno che la diversa cromia delle feci può dipendere anche dai cibi che ingeriamo, ma se l’anomalia nel colore della cacca si prolunga nel tempo, allora non può dipendere solo da quello che
mangiamo, ma potrebbe essere la conseguenza diretta di unapatologia intestinale, come ad esempio la colite.

Osservando bene le vostre feci, potreste notare anche la presenza di una patina biancastra in superficie. Non vi spaventate, perché anche questo fenomeno è del tutto normale e rientra nella patologia, che tra gli altri sintomi mostra un cambiamento della colorazione della puppù, come direbbero i bambini.

Di solito si tratta di “muco” nelle feci, una sostanza gelatinosa che viene prodotta dall’intestino crasso per trasportare la cacca fino all’ano. Una piccola presenza di muco nelle feci non deve far necessariamente allarmare, ma se la patina appiccicosa dovesse essere molto maggiore del solito, allora potrebbe rappresentare il segnale di disturbo più serio, come nel caso di un’infezione dacolite o dalla presenza massiva e negativa di batteri intestinali.

Cacca bianca se assumi antibiotici

La presenza di cacca quasi biancastra, potrebbe anche dipendere dall’assunzione di certi farmaci, quali ad esempio gli antibiotici e pertanto non legata direttamente alla colite, ma più ad un fenomeno transitorio.
Se state assumendo questi farmaci e notate una cacca più bianca del solito, allora non ci sarà da preoccuparsi, in quanto al termine della cura anti spasmica, la tinta e il profumo delle feci dovrebbe rientrare nella norma.

Chi ha avuto tonsillite o polmonite accompagnata con febbre è normale che manifesti anche una cacca così chiara. Aspettate di guarire del tutto, prima di farvi prendere dal panico.

La spiegazione del perchè abbiamo la cacca biancasca è abbasta chiara ed è legata alla natura stessa di noi esseri umani.

Ti stai chiedendo che cosa accada all’interno del nostro intestino quandoci accorgiamo di questo strano colore? Quando nasciamo il nostro intestino è sterile e da quel momento viene colonizzato da milioni di batteri e microrganismi che creano la cosiddetta flora intestinale. Questo microambiente intestinale ha lo scopo di mantenere l’equilibrio fra intestino e organismo, per godere di una buona salute.

Quando assumiamo antibiotici, la nostra flora intestinale viene alterata e di conseguenza anche la
consistenza e il colore delle feci possono subire dei cambiamenti.

I bambini ad esempio, sono continuamente soggetti ad attacchi all’intestino, proprio perché la loro flora intestinale è immatura e non ancora ben formata, in quanto sarà la madre a trasmettere la sua, fornendo i batteri attraverso l’allattamento.

Ecco perché non c’è da preoccuparsi se notiamo nel piccolo, un colore delle feci che cambia (dal bianco, al marrone, addirittura in certi casi verde) oppure se notiamo una consistenza strana che va dall’aspetto duro a quello troppo molle o a pallini.


Quand’è che dobbiamo invece preoccuparci e magari rivolgerci al medico
per un ulteriore controllo?

Senza creare allarmismo, se nella vostra cacca notate un colore tendente al rosso o con striature di rosso, allora potrebbe essere opportuno un controllo più profondo. Questi sintomi fanno pensare a tracce di sangue nelle feci e forse all’esistenza di una patologia più seria, soprattutto se sono accompagnate
da febbre e vomito. Cosa potrebbe indicare una cacca rossa?

Emorragia, ulcera peptica, emorroidi, polipi del colon, infezioni intestinali e malattie croniche. In ogni caso, il sangue occulto nelle feci, non va trascurato, ma va fatta un’indagine precoce per prevenire e curare un’eventuale patologia, che se trascurata potrebbe rappresentare anche qualcosa di più grave.

Quali son le altre circostanze che potrebbero alterare il colore della cacca e quindi metterci in allarme?

Di certo, l’alimentazione. Vi sono delle situazioni in cui si parla di “sangue finto”, ovvero quando il colore delle feci è scuro, ma non perché vi sia del sangue ma solo perché magari abbiamo mangiato qualche alimento contenente liquirizia nera, mirtillo oppure medicinali contenente ferro o piombo.

Così come avviene per le feci scure, anche per la cacca bianca vi possono essere alimenti che la rendono di questo colore, pur senza soffrite di qualche patologia.
Un esempio sono il consumo eccessivo di latte e i latticini nella vostra dieta.

Hai la diarrea? Potresti soffrire di colite

Infine vi è un altro fenomeno che potrebbe farvi pensare alla colite e che rende difficile la vita sociale e lavorativa del soggetto che ne soffre; sto parlando della diarrea.
Purtroppo è uno dei sintomi più frequenti, attribuibile a chi è vittima della colite.

Essere continuamente sottoposto ad attacchi di diarrea non crea solo un disagio fisico, ma soprattutto psicologico, tanto che i pazienti in certi casi si autoconvincono di aver avuto delle scariche diarroiche anche se ciò non accade.

Tutto ciò rende invalidante e condizionante la loro vita.

Tuttavia, prima di allarmarvi, considerate tutte le possibili varianti del caso. Soffrite davvero di colite oppure avete solo mangiato qualcosa che vi ha fatto male? A volte la risposta è molto semplice, ma l’ansia procurata da certi fenomeni, vi fa perdere la lucidità fino a crearvi delle malattie inesistenti.

Alcune volte la suggestione può giocare brutti scherzi e può accadere che ci convinciamo di aver fatto una cacca difersa dal solito, anche se questo non è accaduto veramente.
Alcuni soggetti possono essere talmente ossessionati da questo pensiero da sognare di aver fatto la cacca bianca durante il sonno.
Anche in questo caso, potrebbe avere ragione ancora una volta Freud e se proprio non credete nella psicoanalisi e nel fatto che rappresenta qualcosa di cui volete liberarvi, il consiglio è almeno di giocarvi al lotto i numeri 9 e 26 che corrispondo appunto a fare la cacca bianca.

Leave a Reply